L’icona della musica country, Kenny Rogers, è morto la notte scorsa all’età di 81 anni: lo ha annunciato la sua famiglia sull’account ufficiale su Twitter. Rogers, che viveva nello Stato della Georgia, “è morto in pace a casa, per cause naturale circondato dalla sua famiglia”. A causa dell’emergenza Covid-19 negli Usa, i funerali dell’artista si terranno in forma privata e ristretta, mentre una commemorazione pubblica verrà programmata più avanti, come scrive il sito di Variety. Nato in Texas, la sua carriera si è estesa nell’arco di sei decenni, aveva iniziato nei New Christy Minstrels e poi si era imposto anche da solista, vincendo tre Grammy e portando in testa alle classifiche grandi successi come The Gambler del 1978, Lucille e Islands in the Stream. Una volta ha riassunto la sua popolarità spiegando di aver sempre parlato nelle sue canzoni “dì ciò che ogni uomo vuole dire e che ogni donna vuole sentire”. Rogers  stato inserito nella Country Music Hall of Fame nel 2013 e, nello stesso anno, ha ricevuto un Lifetime Achievement Award dalla Country Music Association. Abile uomo d’affari, Rogers ha anche guidato diverse iniziative nel corso degli anni, principalmente nel settore immobiliare e nel settore della ristorazione. Rogers lascia cinque figli, avuti dai suoi cinque matrimoni. 

fonte: http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Addio-a-Kenny-Rogers-icona-del-country-vincitore-di-tre-Grammy-Aveva-81-anni-7a3608f9-953c-45ad-8673-4d894cf281b7.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.